"Considerate la vostra semenza:

fatti non foste a viver come bruti,

ma per seguir virtute e conoscenza !"

(Dante Alighieri, Inferno XXVI, 118-120)

 

LE DONNE DEL PARADISO

Le Dodici Spose del Rasul-il-llah

Le Donne del Paradiso. Le 12 Spose del Rasul-il-llah.

 

Le Donne del Paradiso di Giovanni Saladino, che ha per tema il primo universo femminile musulmano, illustra un aspetto significativo della biografia di Maometto. Il saggio delinea la fisionomia privata e familiare dell'ultimo (in senso cronologico) dei profeti, la cui vita pubblica       s'estese per ventitré anni ed ebbe migliaia di testimoni tra quegli Arabi dell'Hijaz, cui lasciò in eredità un impero, oltre che la religione di Allah.

Le mogli del Profeta, e in generale la Gente della Casa (Ahl al-Bayt), rappresentano per la storia musulmana quel che gli Apostoli rappresentano per la storia cristiana: degli importanti testimoni per comprendere il nucleo essenziale delle rispettive rivelazioni, nonché dei modelli da imitare.

Il libro, rivolto in primis ad un pubblico italiano, presenta un ambiente storico straordinario e imprescindibile per conoscere da vicino il fondatore della seconda religione più seguita al mondo. ed il suo più immediato entourage. Per ricostruire nel dettaglio le vicende private del Rasul-il-llah, l'Autore ha selezionato la messe di notizie contenuta nel Corano, nella Sunna e nelle Sirat an-Nabi, sicché il quadro che ne risulta è assolutamente attendibile. 

L'opera che si legge tutta d'un fiato, dipinge a tutto tondo le dodici protagoniste, colte nella loro "normalità quotidiana", mentre nelle note non mancano i riferimenti alla cultura, alla teologia e   alla storia musulmane. (Dalla Prefazione di Pietrangelo Buttafuoco al libro)

 

 

 

Il Maggio dei Libri 2013 - L'Intervista

Il Maggio dei Libri 2013 - La Diretta

STORIA DELLA CALABRIA BIZANTINA

STORIA DELLA CALABRIA BIZANTINA

Il Libro (pp. 518) ha dimensioni 15x21, è completo di note, inserto iconografico a colori, bibliografia, indice onomastico e appendici. Utile per gli studenti e gli studiosi di storia, è interessante per tutti. Data 2^Edizione: ottobre 2011. Collana "Oro & Porpora". Prezzo di copertina: € 36,00. Codice ISBN  978-88-904826-1-8

Presentazione

Il primo libro della SALADINO EDIZIONI - ROMA è dovuto a Giovanni Saladino che, negli ultimi anni della sua attività di studioso, si è dedicato alla ricostruzione cronologicamente scrupolosa e filologicamente accurata della Storia della Calabria Bizantina, indagata sia sotto il profilo civile e politico, sia sotto il profilo religioso ed ecclesiastico: ne è risultata un'opera unica nel suo genere, di cui si sentiva invero la mancanza.

La narrazione delle vicende calabresi è inoltre l'occasione per una rilettura attenta e originale di vari aspetti della storia italiana, esaminata con rigore critico, che va nella direzione dello smascheramento di tanti ingiusti pregiudizi e svalutativi luoghi comuni circa il ruolo di Costantinopoli nella genesi dell'Europa moderna: di tale apporto l'Autore dimostra invece l'assoluta imprescindibilità e tutta la pregnanza.

Nonostante il carattere scientifico del lavoro, lo stile sempre chiaro e avvincente della scrittura rappresenta un vero invito a leggere.

Piano dell'Opera

        Il Piano dell’Opera si articola in cinque parti, più un’Appendice per chi volesse           approfondire.

        - La  prima  parte   ha  carattere  preliminare:   in  essa   sono  presentate  le             condizioni originarie  della  Regione,  sulle  quali  sorse  man  mano la civiltà             bizantina, sviluppando il più delle volte germi autoctoni.

        - La seconda parte  è dedicata  al Ducato Bizantino tra i secoli  VII  e  IX,  con             particolare attenzione  alle  vicende  ecclesiastiche  e  alla politica italiana di             Bisanzio.

        - La terza parte  è  dedicata  al  Thema di Calabria,  sorto  dopo  la conquista             araba della Sicilia a difesa  degli  ultimi domini italiani dell'Impero d’Oriente:             un  periodo  complessivamente  positivo,  di relativo  benessere  per le genti             calabre  e  fecondo  di  cultura. Qui è trattato il fenomeno  straordinario  dei             monaci bizantini,  che resero celebre la Calabria come culla della fede e della             civiltà cristiane.

        - Nella  quarta  parte  sono  trattate le complesse, drammatiche vicende dello             scontro con i Normanni e della fine del dominio bizantino.

        - Nella quinta e ultima parte – che s'estende invero a vicende relative al tardo              medioevo  calabrese   –   dopo   aver  presentato  gli  esiti  dell'antagonismo              bizantino/normanno,  l'Autore  mette in  luce  la  corposa eredità religiosa e              culturale  lasciata da Costantinopoli/Nuova Roma al Regno di Sicilia, eredità              che lo rese sin dal suo nascere - all’alba del XII secolo- il paese più esotico e                affascinante dell'Occidente e ancora il ponte con il Levante mediterraneo.

 

Intervista all'Autore

NEOKASTRON ROMAION

NEOKASTRON ROMAION

Il Libro (pp. 146)  ha dimensioni 15x21, con note, immagini a colori, bibliografia, indice onomastico e appendici. Una chicca per i cultori           di storia locale! 1^Edizione: ottobre 2011. Collana "Oro & Porpora".         Prezzo di copertina: € 18,00. Codice ISBN  978-88-904826-2-5

 

Presentazione

L'indagine approfondita  dell'ambiente lametino durante la lunga  età imperiale (secoli I-XI) è l'occasione per la ricognizione attenta del territorio e della storia millenaria del distretto di Nicastro. Sono perspicue le etimologie dei vari paesi   e  dei fiumi, così come interessanti le vicende del popolamento e del culto dei santi durante i secoli alto-medioevali.Notevole infine la prima descrizione della possibile  facies urbana et religiosa  di Neòkastron Romàion. L'esito è quello d'una conoscenza puntuale e completa della parte più antica e fin qui negletta della nostra identità e della nostra storia.

Piano dell'Opera

Il primo capitolo è dedicato alla storia onomastica dei fiumi Amato,Angitola e Savuto; a Temèsa d'Italia; a Téreina Polis; alla voce  Lametia  in Ecateo; al tracciato della Via Popilia nella Piana di S. Eufemia; a Tempsa Montana ed a Turris Italica.

 

Il secondo capitolo, presentata in sintesi la Piana di S.Eufemia nel secolo XI, contiene la riproduzione e la traduzione in italiano del Diploma di Donazione  di Roberto d'Alta- villa all'Abbazia benedettina di S.Eufemia (AD 1062), nonché dell'Atto di Donazione di Riccardo Siniscalco  al  Vescovo  di  Nicastro  Enrico (AD 1101).

 

Il terzo capitolo  presenta  la  diffusione  del  culto  dei santi cristiani parallelamente all'insediamento imperiale bizantino nella Diocesi Neocastrense;  l'elenco di 32 luoghi diocesani illustrati  dalla  presenza  di  cenobi,  laure  ed  oratori greci nel secolo XII; infine  la  probabile  fisionomia  urbana  della  Neòkastron bizantina,  con  le chiese civiche ed i monasteri.

Intervista all'Autore

Presentazione su CURINGA-IN.IT

ASCETISMO CALABRO

ASCETISMO CALABRO

Il Libro  (pp. 180)  ha dimensioni 15x21,  con note,  immagini a colori, bibliografia, indice onomastico e appendici. Un'opera completa sugli asceti greci di Calabria.  1^ Edizione novembre  2012.  Collana 'Oro & Porpora'. Prezzo di copertina € 18,00.Codice ISBN 978-88-904826-3-2

Presentazione

Un elenco snello e immediato, seppur accurato e completo, dei santi calabri di età bizantina, che resero celebre in Occidente l'antica tradizione monastica. In apertura un'assoluta novità:  la presentazione  della  prima  Passio 'calabrese' maturata in Vivario Scyllacense nel sec. VI.  I Quattuor Aurelii furono o no veri martiri ?  E il Magister Cassiodorus Senator  non fu forse considerato durante l'età di mezzo  un  santo  cristiano ?  In Appendice  la  versione italiana  della Passio Sancti Senatoris, la  storia millenaria della  Chiesa  di  San  Fantino  a Venezia  e  l'interessantissimo censimento di 312 monasteri greci di Calabria. 

Intervista all'Autore